EWA presentato alla stampa

Pubblicato il Pubblicato in Notizie

Si è svolta sabato 18 marzo la conferenza stampa per la presentazione ufficiale di Energy with Africa, la nuova fase del gemellaggio tra gli Istituti della Cittadella di Mirano e il Centre Universitaire de Labé. Oltre ai rappresentanti dei partner del progetto, ha partecipato all’evento anche una significativa rappresentanza delle istituzioni, locali e nazionali: il deputato veneziano Andrea Causin, il vicepresidente del Consiglio Regionale del Veneto Bruno Pigozzo e la sindaca di Mirano, nonché presidente dell’Anci Veneto, Maria Rosa Pavanello.

La dirigente scolastica dell’IIS Levi-Ponti, Marialuisa Favaro, ha voluto sottolineare il significativo cambio di denominazione da “Energy for Africa” a “Energy with Africa”. “L’ottica di fondo rimane quella della solidarietà internazionale, ma in una nuova prospettiva. Non più un intervento unidirezionale – noi che doniamo qualcosa a loro -, ma una vera collaborazione, tramite cui ci impegniamo ad aiutare gli amici di Labé a maturare competenze e a dotarsi di risorse per migliorare la vita nel loro paese”. Un’iniziativa, ha proseguito la professoressa Favaro, “dal grande valore educativo per i nostri studenti, che da un lato hanno l’occasione di mettere in gioco le proprie competenze in un’azione di solidarietà internazionale, dall’altro imparano ad affrontare il tema delle migrazioni oltre le paure e i preconcetti”.

Quest’ultimo concetto è stato ribadito anche dal presidente della Acli Provinciali, Paolo Grigolato, e dal rappresentante del Cesvitem, Giovanni Costantini. “Nella mia esperienza – ha spiegato Grigolato – si tratta di uno dei progetti più interessanti sul tema delle migrazioni. Il passaggio da “for” a “with” amplia in modo significativo il respiro del progetto, aprendolo a temi fondamentali per la nostra società come il rapporto tra persone e culture diverse”. “Nel 2016 – ha sottolineato Costantini – il 7% dei 180 mila migranti arrivati in Italia proveniva dalla Guinea. Intervenire in questo paese con un progetto di cooperazione significa dare concretezza all’idea di “aiutiarli a casa loro”, uno slogan che troppo spesso risuona a vuoto. Come comunità educante – scuola, istituzioni, società civile – abbiamo il dovere di aiutare i nostri ragazzi ad orientarsi in una realtà sempre più complessa, evitando semplificazioni e demagogie”.

A seguire tre docenti dell’IIS Levi-Ponti, i professori Michieletto, Caramma e Baldan, hanno presentato il cuore progetto, la “formazione dei formatori”, ovvero la formazione dei docenti guineiani che insegneranno nei laboratori di elettronica ed elettrotecnica dedicati alle tecnologie fotovoltaiche. Le prime esercitazioni per la formazione a distanza sono già state caricate sulla piattaforma on line, mentre si sta programmando la missione di ottobre per la formazione in presenza a Labé. In quell’occasione le esercitazioni pratiche si concentreranno sulla riabilitazione di un impianto fotovoltaico installato alcuni anni fa e attualmente fuori uso, nonché sull’utilizzo delle Scholar, le valigette solari simbolo di Energy with Africa.

L’interesse del territorio è stato confermato dalle parole dei rappresentanti delle istituzioni. “È un progetto  che va oltre l’ambito scolastico – ha affermato Maria Rosa Pavanello – perché attraverso i ragazzi che frequentano la Cittadella può essere uno strumento di sensibilizzazione anche per gli adulti. Proporremo che ogni Comune del Miranese finanzi una Scholar, perché con una cifra davvero simbolica è possibile dare un segno molto importante”. Il consigliere Pigozzo ha ribadito la vicinanza della Regione, che già lo scorso settembre aveva ospitato la firma ufficiale della convenzione tra la Cittadella e l’Università di Labé. “ Questo progetto si caratterizza per la continuità con cui unisce la concretezza delle azioni e la profondità delle motivazioni. Con il valore aggiunto di inserire il tutto nei percorsi formativi offerti agli studenti. La capacità di avere una visione globale, basata sulla costruzione di competenze sia in Italia che nel Sud del mondo, rappresenta un modello d’intervento anche per altri istituti del nostro territorio”.

Durante la conferenza stampa è stato presentato anche il nuovo sito del progetto, www.energywithafrica.it, ideato e realizzato da un gruppo di studenti dell’8 Marzo-Lorenz e del Levi-Ponti con la consulenza del Cesvitem.

Ecco una rassegna degli articoli pubblicati dopo la conferenza stampa: Gente Veneta, La Nuova Venezia, Il Gazzettino, Venezia Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *