Cosa abbiamo fatto

 

Il gemellaggio tra gli Istituti della Cittadella di Mirano e il Centre Universitaire de Labé è stato avviato nel 2014 attraverso il progetto Energy for Africa.

Tutto prese il via da un incontro tra una classe dell’IIS Levi-Ponti e Mamadou Kairaba Diallo, giovane studente guineiano residente in Italia. Mamadou racconta la sua storia di migrante e dell’estrema povertà del suo paese, 182° (su 188 nazioni) nella classifica dell’Indice di Sviluppo Umano stilata dalle Nazioni Unite. Ma a colpire più di tutto gli studenti italiani è il racconto di una drammatica vicenda occorsa ad un caro amico di Mamadou. Mentre di sera studiava nella sua abitazione al lume di una candela, il ragazzo si addormentò. La candela cominciò a bruciare i libri e, in un attimo, diede via ad un incendio che distrusse l’intera casa, provocando la morte dello studente.

Sulla spinta, anche emozionale, di questo racconto, nacque l’idea di un ponte solidale tra Italia e Guinea. Partì così il progetto Energy for Africa, che coinvolse fin da subito gli altri due istituti della Cittadella (l’IIS 8 Marzo-Lorenz e il Liceo Majorana-Corner) e le Acli Provinciali di Venezia. Scopo dell’iniziativa era quello di dotare un’ala dell’Università di Labé di un impianto fotovoltaico, in modo da garantire la fornitura di energia elettrica alla biblioteca e all’aula insegnanti.

Grazie anche ai fondi raccolti dagli studenti della Cittadella attraverso numerose iniziative, il sogno si è concretizzato a marzo 2016, quando una delegazione di insegnanti e studenti del Levi-Ponti si reca a Labé e procede all’installazione dell’impianto.